Testata sito

 

UN FUTURO PER LA FERROVIA FANO - URBINO. Seduta del Consiglio regionale dedicata esclusivamente all'esame di interrogazioni e di mozioni. Tra i temi affrontati anche la situazione dei primari a Torrette, la ferrovia Fano - Urbino, la crisi della CNH di Jesi, l'ideologia gender nelle scuole marchigiane e il deficit finanziario delle Province di Ascoli Piceno e Fermo

Un ricco ordine del giorno di interrogazioni e mozioni ha occupato ieri i lavori del Consiglio regionale. In apertura le interrogazioni, a cominciare da quella presentata dai consiglieri della Lega Nord: Zaffiri, Zura Puntaroni e Malaigia, sul concorso per dirigenti in Consiglio regionale e sull'opportunità di valutarne la sospensione. Ha risposto l'assessore al Personale, Fabrizio Cesetti, affermando che “la procedura è regolare e che non esiste alcun ostacolo giuridico allo svolgimento del concorso”. Il consigliere della Lega Nord, Zaffiri ha ribattuto che “si tratta di un concorso debole dal punto di vista legislativo, pieno di irregolarità, e che non rispetta la professionalità di chi partecipa. Chiederemo a questo proposito un dibattito in aula”.

LA SITUAZIONE DELLA CNH DI JESI

Discussa anche l’interrogazione del consigliere Enzo Giancarli (Pd) sulla situazione dello stabilimento della CNH di Jesi, una delle maggiori industrie marchigiane che nel corso del 2015 ha registrato un notevole calo produttivo. “Risultano necessari – sostiene Giancarli - investimenti mirati, con una progettualità volta al futuro rilancio della produzione e più in generale dello stabilimento”. Chiesta la disponibilità della Regione ad esaminare il problema. Ha risposto l’assessore Loretta Bravi che ha sottolineato che “ogni anno sul territorio regionale vengono aperte circa 2 mila vertenze. La Regione è sempre disponibile ad incontrare le parti interessate qualora ne sia fatta esplicita richiesta”.
A seguire l'interrogazione del consigliere Sandro Bisonni (M5S) sull'incendio della ditta Cosmari di Tolentino del 9 luglio scorso; l’esame congiunto di quelle presentate dal consigliere Piero Celani (FI) e Peppino Giorgini (M5S) sullo stoccaggio di gas naturale in strato, denominato San Benedetto Stoccaggio della Gas Plus Storage srl; l’interrogazione della consigliera Jessica Marcozzi (FI) sull'aumento delle rette delle RSA per anziani e quella della consigliera Elena Leonardi (FdI) sull'episodio della donna incinta di due gemelli e del pagamento doppio del ticket per l'ecografia.

OSPEDALE REGIONALE DI TORRETTE, “FUGA” DI PRIMARI

La cosiddetta “emorragia di primari” dall’Ospedale regionale di Torrette è stata oggetto di un’altra interrogazione esaminata dall’Assemblea e presentata dai consiglieri della Lega Nord Zaffiri, Zura Puntaroni, Malaigia. I consiglieri hanno chiesto al presidente della Giunta regionale e assessore alla Sanità, Luca Ceriscioli, di conoscere se queste circostanze siano imputabili al disimpegno dei vertici della sanità marchigiana, sia in termini di investimenti su tecnologie e macchinari che di personale sanitario e quali azioni e strategie intenda intraprendere affinché l’Ospedale regionale di Torrette sia veramente degno del ruolo che ricopre.
Il presidente Ceriscioli ha dichiarato che per anni l’obiettivo è stato quello di tenere a posto i conti senza l’aiuto dello Stato. “In una gestione di budget finalizzato a questo – ha proseguito - per stare nei parametri si è rallentata la produzione. Questo ha generato la mobilità passiva. Serve quindi un’azione strategica puntando su strutture che possano operare al massimo delle proprie capacità e diminuendo la stessa mobilità passiva”.
Esaminata anche l’interrogazione del consigliere Federico Talè (Pd) sulla voragine apertasi lungo la strada provinciale Sp5 bis nel Comune di Orciano di Pesaro.

DEFICIT FINANZIARIO DELLE PROVINCE DI ASCOLI PICENO E FERMO

“Non c’è stata alcuna erogazione ‘strana’ ma destinata esclusivamente ad attività già espletate”. Così ha risposto l’assessore regionale al Bilancio, Fabrizio Cesetti all’interrogazione del consigliere Gianni Maggi (M5S) sul deficit finanziario delle Province di Ascoli Piceno e di Fermo. Maggi nell’interrogazione si riferiva alla decisione della Regione di stanziare 4 milioni di euro provenienti da FSE 2007/2013 così suddivisi: 3 milioni alla Provincia di Ascoli Piceno, 0,5 milioni alla Provincia di Fermo e 0,5 alla Provincia di Macerata. “Come ho dichiarato alla stampa - ha evidenziato Cesetti - le risorse arrivano dal FSE per la gestione dei centri per l’impiego. Risorse che hanno contribuito ad attingere più agevolmente a risorse proprie da parte delle Province ma senza alcuna regalia”.

FERROVIA FANO-URBINO

Dopo le interrogazioni, l’Aula ha affrontato l’esame delle mozioni. Esame congiunto per quelle riguardanti la linea ferroviaria Fano-Urbino, presentate dai consiglieri del Pd, Biancani, Traversini, Talè e Minardi e dal consigliere Fabbri del M5S. I primi hanno chiesto l'impegno del presidente e della Giunta regionale ad attivarsi con urgenza per avanzare la richiesta di acquisizione dell'intero compendio dell'ex ferrovia ed evitarne così lo smembramento. Per il M5S la linea andrebbe valorizzata attraverso un treno turistico prima ed una metropolitana leggera poi, proseguendo pertanto con le procedure necessarie alla revoca del decreto ministeriale del 2011 e avviando l’individuazione dei fondi per finanziare l’opera, ipotizzando un ripristino modulare.
L’assessore regionale a Turismo, Moreno Pieroni, ha suggerito di riprendere il dibattito nelle Commissioni competenti per arrivare a una soluzione condivisa, mentre l’assessore regionale ai Trasporti, Angelo Sciapichetti, ha indicato l'apertura di un tavolo con il Ministero competente”.
Approvata la mozione dei consiglieri del Pd (18 voti a favore 11 contrari). Respinta la mozione del consigliere Fabbri (M5S) con 11 voti a favore, 16 contrari, un astenuto.

IDEOLOGIA GENDER NELLE SCUOLE

L’Aula ha poi discusso la mozione della consigliera Elena Leonardi (FdI) sulla “Presa di posizione della Regione di fronte all'introduzione dell'ideologia gender nelle scuole, relativamente a una delibera della Giunta regionale del febbraio scorso. Leonardi ha chiesto l'intervento del presidente della Giunta “nelle scuole di ogni ordine e grado della Regione Marche affinché non venga in alcun modo introdotta la teoria gender”.
La consigliera Leonardi ha chiesto inoltre che sia rispettato il ruolo prioritario della famiglia nell’educazione all’affettività e alla sessualità. “Vi chiedo oggi – ha ribadito Leonardi – di superare gli steccati ideologici rappresentati dal fatto che la mozione viene presentata da un consigliere di FdI e di affrontare la questione in una maniera apartitica su un argomento così delicato quale l’educazione dei minori”.
Nel corso del dibattito, l’assessore regionale all’Istruzione, Loretta Bravi, ha voluto sottolineare il fatto che “in Giunta si è deciso di non dare continuità alla delibera citata”.
Numerosi gli interventi dei consiglieri. La mozione non è stata approvata (9 i voti favorevoli, 15 contrari e 3 astenuti).

IN CHIUSURA ESAME DELLE MOZIONI

In chiusura dei lavori, il Consiglio ha esaminato la mozione dei consiglieri della Lega Nord, Zura Puntaroni, Malaigia e Zaffiri sulla proposta di fermata del Freccia bianca alla stazione ferroviaria Civitanova Marche – Montegranaro. La mozione è stata approvata con 22 voti a favore. Altra mozione discussa quella del consigliere Gianni Maggi (M5S) sul Piano strategico della Autorità di Sistema Portuale e modifiche alla legge n. 84/94 in tema di Autorità Portuali e Lavoro portuale, predisposti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”. La mozione è stata approvata con 18 voti a favore. Altra mozione, quella del consigliere Luca Marconi (Popolari Marche – Udc) sui Nidi domiciliari nelle Marche. La mozione è stata approvata con 18 voti favorevoli. Infine, la mozione del consigliere Peppino Giorgini (M5S) sull’autorizzazione alla ricerca di idrocarburi nel Comune di Recanati - pozzo Vasari 2 in cui si impegna la Giunta a dare parere negativo alla suddetta attività. La mozione non è stata approvata (11 voti favorevoli, 14 contrari). (s.g.)

Comunicato n.208, Mercoledì 28 Ottobre 2015
 

 
 
CONSIGLIO REGIONALE  Assemblea legislativa delle Marche
Piazza Cavour 23 - 60121 Ancona
TEL. 07122981  FAX 0712298539  PEC assemblea.marche@emarche.it
Codice Fiscale  80006310421

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per il corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso consulta l’informativa sulla privacy.

Accetto