Ascoli, Piazza del Popolo
 
 

LA MAFIA TEME LA SCUOLA PIU' DELLA GIUSTIZIA

A venti anni dalla strage di Capaci studenti e docenti nell'aula del Consiglio regionale. Solazzi: "Dobbiamo tutti essere garanti e custodi della legalità".

“La quotidianità ha bisogno della cultura della legalità. In questo momento particolarmente difficile, l'impegno prioritario per ognuno di noi è quello di essere garanti e custodi della legalità. Nelle piccole cose di ogni giorno, perché è dai comportamenti dei singoli che si può giungere a cambiare la società. Ognuno di noi può fare molto per la cultura della pace, della democrazia, della legge, nel rispetto degli altri e delle altrui libertà.“ Così il Presidente dell'Assemblea legislativa delle Marche, Vittoriano Solazzi, si è rivolto agli studenti e ai docenti riuniti nell'Aula del Consiglio regionale, in occasione delle iniziative che si svolgono in tutta Italia per il ventesimo anniversario della strage di Capaci (23 maggio 1992).
L'iniziativa, organizzata in collaborazione con la Consulta regionale e le Consulte provinciali degli studenti, l'Ufficio Scolastico regionale e i docenti degli Istituti coinvolti, ha visto l'intervento del Prof. Giovanni Di Cosimo, Costituzionalista, Professore di Diritto Costituzionale presso la facoltà di Giurisprudenza di Macerata che ha posto l'accento sul fatto che: “la mafia teme la scuola più della giustizia. Perché l'istruzione toglie l'erba sotto la cultura mafiosa essendo consapevolezza della cittadinanza attiva e partecipativa. Nella scuola si impara a ragionare e ad avere un pensiero critico capace di scardinare il pensiero mafioso attraverso la cultura civile e democratica.”
Roberta Battinelli, Presidente della Consulta regionale degli studenti ha definito l'incontro: “fondamentale perché vede gli studenti vicini alle istituzioni che sono particolarmente vicine in un momento molto triste della storia italiana in cui proprio la scuola è bersaglio della violenza. Insieme alle istituzioni – ha detto - possiamo cambiare il futuro e far divenire la legalità cultura di ogni giorno. Molti gli interventi dei giovani studenti che hanno evidenziato l'interesse dei giovani ai temi della legalità, della libertà e della democrazia. Al rispetto dell'individuo e della società.
Ha concluso l'evento l'Assessore regionale all'Istruzione, Marco Luchetti, che ha definito l'incontro: “molto importante perché ha visto un confronto concreto su cittadinanza e Costituzione. La conoscenza di questi temi – ha detto – è fondamentale per ognuno di noi. La libertà non la si conquista per sempre ma quotidianamente. A voi ragazzi lascio come messaggio una frase di Falcone che rispondendo al giornalista che lo intervistava perché facesse quel lavoro rispose: per spirito di servizio. Lo spirito di servizio alla comunità. Che va attivato nella scuola, nel lavoro, nella vita facendosi carico di tutti. Questo è il nostro primo dovere.”

Visualizza lo Speciale e le interviste
Mercoledì 23 Maggio 2012
 
 
Consiglio regionale Assemblea legislativa – P.zza Cavour, 23 60121 Ancona - C.F. 80006310421 - Tel. 071/22981 - Fax -071/2298539