Leggi e regolamenti regionali
Estremi del documento | Vai al testo vigente |Iter della legge


Atto:LEGGE REGIONALE 14 gennaio 1997, n. 9
Titolo:Istituzione dell'agenzia per i servizi nel settore agroalimentare delle Marche (ASSAM). Soppressione dell'Ente di Sviluppo Agricolo delle Marche (ESAM). Istituzione delle consulta economica e della programmazione nel settore agroalimentare (CEPA).
Pubblicazione:( B.U. 23 gennaio 1997, n. 7 )
Stato:Vigente
Tema: ORDINAMENTO ISTITUZIONALE
Settore:AMMINISTRAZIONE REGIONALE
Materia:Enti, aziende, agenzie e società regionali o interregionali
Note:Ai sensi dell'art. 17, l.r. 23 febbraio 2007, n. 2, la validita'  del programma promozionale triennale anni 2004/2006 per il settore agroalimentare di cui alla presente legge e' prorogata fino alla data di approvazione del nuovo programma di promozione triennale anni 2007/2009.

Ai sensi del comma 2 dell'art. 9, l.r. 16 settembre 2013, n. 28, le norme relative agli organi e al direttore generale della ASSAM abrogate, modificate o sostituite dalla predetta legge continuano ad applicarsi fino alla cessazione degli organi ai sensi del comma 1 del medesimo art. 9.

Sommario


CAPO I Istituzione dell'ASSAM
Art. 1 (Istituzione)
Art. 2 (Funzioni)
Art. 3 (Organi)
Art. 4 (Amministratore unico)
Art. 5 (Attribuzioni dell'Amministratore unico)
Art. 6 (Collegio dei revisori)
Art. 7 (Compiti del Collegio dei revisori)
Art. 8 (Commissione tecnico - scientifica)
Art. 9 (Indennità)
Art. 10 (Ineleggibilità)
Art. 11 (Direttore generale)
Art. 12 (Personale)
Art. 13 (Programmi di attività)
Art. 14 (Gestione finanziaria)
Art. 15 (Vigilanza e controllo sugli organi)
Art. 16 (Patrimonio)
Art. 17 (Finanziamenti)
Art. 18 (Norme transitorie)
CAPO II Soppressione dell'ESAM
Art. 19 (Soppressione dell'Ente di sviluppo agricolo nelle Marche)
Art. 20 (Procedura di liquidazione)
Art. 21 (Assegnazione del personale)
Art. 22 (Abrogazione)
CAPO III Consulta economica e della programmazione nel settore agroalimentare (CEPA)
Art. 23 (Istituzione della Consulta)
Art. 24 (Composizione e funzionamento)
CAPO IV Disposizioni finali
Art. 25 (Promozione e valorizzazione dei prodotti agricoli e servizio fitosanitario)
Art. 26 (Divulgatori agricoli)
Art. 27 (Disposizioni finanziarie)
Art. 28 (Dichiarazione d'urgenza)

CAPO I
Istituzione dell'ASSAM


Art. 1
(Istituzione)

1. E' istituita, per le finalità previste dalla presente legge, l'Azienda regionale per i servizi nel settore agroalimentare delle Marche (ASSAM), con sede in Ancona.
2. L'ASSAM è Ente pubblico economico dotato di personalità giuridica, di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile e gestionale.

Art. 2
(Funzioni)

1. L'ASSAM costituisce strumento regionale di riferimento e di raccordo tra il sistema produttivo, il settore della ricerca ed i soggetti detentori o ricreatori di tecnologie particolari per promuovere l'ammodernamento delle strutture agricole; esso attua gli indirizzi programmatici definiti dal Consiglio regionale.
2. L'ASSAM svolge in particolare le seguenti funzioni:
a) eroga servizi specialistici, di supporto alla Regione per la promozione, il sostegno, la diffusione e il trasferimento dell'innovazione di processo e di prodotto nel settore agroalimentare e della silvicoltura anche attraverso l'animazione ruralee la divulgazione agricola;
b) svolge attività di consulenza specialistica alla gestione aziendale e gestisce il centro di contabilità agraria regionale;
c) svolge attività di consulenza e assistenza, di razionalizzazione dei mezzi di produzione, con particolare attenzione alle questioni ambientali ed energetiche, gestisce il servizio agrometereologico e la consulenza fitosanitaria a livello regionale;
d) fornisce servizi di consulenza e assistenza in materia di agricoltura biologica, in stretta collaborazione con le associazioni di produttori biologici;
e) fornisce servizi di consulenza e assistenza per la certificazione di qualità dei prodotti;
f) realizza studi e ricerche anche in collaborazione con le università e con gli istituti e le istituzioni di ricerca che svolgono attività di sperimentazione e di divulgazione diretta al miglioramento ed allo sviluppo della produzione agroalimentare;
g) gestisce sistemi di informazione, anche multimediali, finalizzati allo sviluppo rurale;
h) coordina i servizi di sviluppo agricolo di base e partecipa alla predisposizione dei relativi programmi, d'intesa con le organizzazioni di categoria, le associazioni di produttori e allevatori, le cooperative ed i consorzi fitosanitari.

3. L'ASSAM può inoltre attuare progetti comunitari, statali e regionali in materia agroalimentare, su mandato della Giunta regionale, nonchè studi e ricerche per conto della stessa nell'ambito dell' attività di cui al comma 2.
4. Nell'attuazione dei propri compiti, l'ASSAM, in collaborazione con la Regione Marche, assicura il coordinamento delle attività dei servizi di sviluppo agricolo, tenendo conto degli effetti complessivi sull'economia, l'ambiente e la salute dei cittadini.

Art. 3
(Organi)

1. Sono organi dell'ASSAM:
a) l'Amministratore unico;
b) il Collegio dei revisori dei conti.


Art. 4
(Amministratore unico)

1. L'Amministratore unico dell'ASSAM è nominato dal Consiglio regionale entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, tra soggetti in possesso di specifiche e documentate competenze in materia di organizzazione, di amministrazione e di gestione aziendale.
2. Il rapporto di lavoro dell'Amministratore unico è costituito con un contratto di diritto privato della stessa durata del Consiglio regionale che ha provveduto alla nomina; l'incarico può essere confermato per una sola volta.
3. I risultati inerenti la sua attività sono espressamente valutati ogni anno dalla Giunta regionale che, con proprio provvedimento, può proporre al Consiglio regionale l'eventuale revoca, anticipata della nomina.
4. Il suo incarico è incompatibile con ogni altra professione con incarichi elettivi.

Art. 5
(Attribuzioni dell'Amministratore unico)

1. L'Amministratore unico:
a) ha la rappresentanza legale dell'ASSAM;
b) predispone il programma annuale, di cui all'articolo 13, i bilanci preventivi e consuntivi, la relazione di gestione e la relazione sull'attuazione del programma;
c) predispone il regolamento di organizzazione dell'ASSAM ivi compresa la determinazione dell'organico del personale, il regolamento di amministrazione e contabile, nonchè il contratto per l'eventuale nomina del Direttore generale di cui all'articolo 11;
d) sovrintende all'amministrazione dell'ASSAM, definisce gli obiettivi e gli interventi da attuare, indica le priorità ed emana le conseguenti direttive generali per l'azione amministrativa e per la gestione.

2. Gli atti di cui alla lettera b), del comma 1, sono approvati secondo le modalità di cui agli articoli 13 e 14.
3. Gli atti di cui alla lettera c), del comma 1, sono inviati alla Giunta regionale per l'approvazione e l'immediata pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione entro quindici giorni dalla loro adozione.
4. L'Amministratore unico delega, per i casi di temporanea assenza o altro impedimento, il Direttore generale, se nominato, ovvero altro dirigente ai fini del compimento degli atti di ordinaria amministrazione urgenti ed indifferibili, salvo ratifica nei successivi quarantacinque giorni.

Art. 6
(Collegio dei revisori)

1. Il Collegio dei revisori dei conti è composto da:
a) il Presidente eletto dal Consiglio regionale;
b) due membri effettivi e due supplenti eletti dal Consiglio regionale con voto rispettivamente limitato a uno.

2. I componenti di cui al comma 1 sono scelti tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili di cui al d.lgs. 27 gennaio 1992, n. 88 e durano in carica quanto l'Amministratore unico.

Art. 7
(Compiti del Collegio dei revisori)

1. Il Collegio dei revisori dei conti svolge i seguenti compiti:
a) esamina i bilanci preventivi ed i conti consuntivi dell'Agenzia, esprimendo le proprie valutazioni al riguardo, mediante apposite relazioni;
b) esegue almeno una volta ogni trimestre la verifica di cassa e dei valori dell'ASSAM da questa ricevuti in pegno, cauzione o custodia;
c) redige semestralmente e nel caso in cui ne ravvisi la necessità, una relazione sull'attività dell'ASSM, che rimette all'Amministratore unico e alla Giunta regionale, formulando proposte, rilievi od osservazioni tendenti a conseguire una migliore efficienza, produttività ed economicità della gestione;
d) esprime parere sulla inesigibilità di crediti, sulle variazioni di bilancio e sugli storni di fondi.

2. Le verifiche e gli accertamenti effettuati, i pareri espressi e le relazioni redatte dal Collegio dei revisori debbono risultare dai verbali trascritti in apposito registro e sottoscritti dagli intervenuti.
3. Qualora il Collegio dei revisori accerti gravi irregolarità nella gestione dell'Agenzia, ne dà tempestiva notizia all'Amministratore unico e alla Giunta regionale.
4. Il Collegio dei revisori esamina tutti gli atti amministrativi dell'Agenzia sotto il profilo della regolarità contabile e finanziaria.
5. Gli atti di cui al comma 4 sono trasmessi al Collegio dei revisori entro sette giorni dalla loro adozione. Le determinazioni del Collegio dei revisori sono tempestivamente notificate all'Amministratore unico.

Art. 8
(Commissione tecnico - scientifica)

1. E' istituita presso l'ASSAM una Commissione tecnico - scientifica con il compito di collaborare con l'Amministratore unico e di dare parere sul programma annuale e pluriennale di attività dell'Agenzia medesima.
2. La Commissione tecnico - scientifica esprime altresì parere sugli atti che l'Amministratore unico intende sottoporle e può elaborare, su richiesta del medesimo, proposte specifiche in ordine ai progetti dell' ASSAM.
3. La Commissione tecnico - scientifica è nominata con decreto del Presidente della Giunta Regionale ed è composta da:
a) l'Amministratore unico dell'ASSAM o suo delegato, che la presiede;
b) il Dirigente del servizio regionale competente in materia di agricoltura;
c) quattro esperti, uno per le produzioni vegetali, uno per le produzioni animali, uno per le tecnologie alimentari e uno per il settore economico - gestionale, designati dalle Università della Regione;
d) quattro tecnici designati dalle organizzazioni regionali professionali agricole, di concerto tra loro;
e) due tecnici designati dalle organizzazioni regionali delle cooperative agricole, di concerto tra loro.

4. La Commissione tecnico - scientifica si dota di un proprio regolamento.
5. I pareri previsti dai commi 1 e 2 debbono essere resi nel termine di quindici giorni dall'avvenuta richiesta. Trascorso tale termine i pareri si intendono espressi favorevolmente.

Art. 9
(Indennità)

1. I compensi e le indennità per l'Amministratore e i Revisori dei conti sono così determinati:
a) all'Amministratore viene corrisposto un compenso mensile lordo pari al 70 per cento di quello spettante ai direttori generali delle Aziende unità sanitarie locali, al netto dell'ulteriore quota connessa ai risultati di gestione e al conseguimento degli obiettivi;
b) al Presidente del Collegio dei revisori un'indennità mensile lorda pari al 10 per cento del compenso spettante all'Amministratore unico;
c) ai componenti del Collegio dei revisori un'indennità mensile lorda pari al 5 per cento del compenso spettante all'Amministratore unico.

2. Ai componenti della Commissione tecnico - scientifica, estranei all'Amministrazione regionale e all'ASSAM, è corrisposta, per ogni giornata di seduta a cui partecipino, un'indennità di presenza di importo pari a lire 200.000, al lordo delle ritenute di legge.
3. Ai componenti della Commissione tecnico - scientifica residenti fuori del territorio comunale sede dell'ASSAM, compete il rimborso delle spese, documentate mediante fattura o ricevuta fiscale per il vitto; compete inoltre il rimborso delle spese di viaggio nella misura e con le modalità stabilite per il trattamento di missione dei dipendenti regionali con qualifica di Dirigente.
4. Le competenze di cui ai commi 1, 2 e 3 sono imputate al bilancio dell' ASSAM.

Art. 10
(Ineleggibilità)

1. Non possono essere nominati componenti degli organi dell'Agenzia: i consiglieri regionali, gli amministratori degli enti dipendenti della Regione, i dipendenti regionali, i dipendenti delle Aziende sanitarie locali, i sindaci, i presidenti di amministrazioni provinciali, gli assessori comunali e provinciali, i presidenti di consorzi cui partecipano Comuni e Province, i presidenti di Comunità montane ed i membri degli esecutivi di tali enti, gli imprenditori e gli amministratori di società comunque costituite, che effettuano forniture di beni o prestazioni di servizi all'Agenzia anche se operanti al di fuori della circoscrizione territoriale della stessa, il personale in servizio nell'Agenzia, coloro che hanno liti pendenti con la Regione e con l'Agenzia o che, avendole avute, non hanno estinto le obbligazioni da quelle derivanti, coloro che avendo debiti verso l'Agenzia o la Regione, si trovino legalmente in mora.
2. Ai componenti degli organi dell'Agenzia si applicano le disposizioni previste dalla legge 18 gennaio 1992, n. 16.

Art. 11
(Direttore generale)

1. L'Amministratore unico, qualora ricorrano particolari esigenze legate al miglior funzionamento dell'Agenzia, con provvedimento motivato, può nominare un Direttore generale.
2. L'incarico di Direttore generale può essere conferito ai dirigenti della Regione in possesso dei requisiti indicati al comma 1 dell' articolo 3 della l.r. 6 marzo 1995, n. 22; l'incarico può essere altresì ricoperto mediante assunzione, con contratto di lavoro a tempo determinato di durata non superiore a cinque anni, di persone in possesso di diploma di laurea in scienze agrarie ed esperienza nel settore agroalimentare adeguatamente documentata da almeno cinque anni nella pubblica amministrazione, in enti di diritto pubblico, in aziende pubbliche o private.
3. Il rapporto di lavoro del Direttore generale è di diritto privato ed ha una durata pari a quella dell'Amministratore unico.
4. Per i dipendenti della Regione e degli enti regionali la nomina a direttore generale comporta il collocamento in aspettativa senza assegni per la durata dell' incarico. Il periodo di aspettativa è utile ai fini del trattamento di quiescenza, di previdenza e dell'anzianità di servizio.
5. In caso di temporanea assenza o impedimento, il Direttore generale può essere sostituito con provvedimento dell'Amministratore unico da un dirigente della qualifica più elevata in servizio nell'ASSAM.
6. L'Amministratore unico, nel caso di nomina dei Direttore generale, provvede alla definizione dei compiti a lui spettanti.

Art. 12
(Personale)

1. L'ASSAM nei limiti di quanto previsto dal regolamento di organizzazione di cui alla lettera c), del comma 1, dell'articolo 5, dispone di personale proprio disciplinato da contratti collettivi di settore, nonchè del personale assegnato ai sensi dell'articolo 21.


Art. 13
(Programmi di attività)

1. Nello svolgimento dei compiti previsti dall'articolo 2, l'ASSAM opera sulla base di programmi annuali di attività che devono individuare gli obiettivi, le attività da svolgere, i settori di intervento, le iniziative progettuali, le previsioni di spesa, i mezzi per l'attuazione, nonchè gli strumenti per la verifica dei risultati.
2. Il programma, predisposto entro il 30 settembre dell'anno precedente a quello di riferimento, è trasmesso, per l'approvazione, alla Giunta regionale unitamente ad una relazione illustrativa sullo stato di attuazione del programma dell'anno precedente.

Art. 14
(Gestione finanziaria)

1. La gestione finanziaria dell'ASSAM è improntata a criteri di imprenditorialità, efficienza ed economicità, con l'obbligo della chiusura del bilancio annuale in pareggio.
2. La gestione finanziaria e di bilancio dell'ASSAM è svolta in conformità alla normativa di cui agli articoli 2423 e seguenti del Codice Civile.
3. Il bilancio di esercizio, corredato dalla relazione del Collegio dei revisori, è adottato dall'Amministratore unico entro il 30 aprile successivo alla chiusura dell'esercizio stesso e trasmesso, entro quindici giorni, alla Giunta regionale che lo sottopone all'esame del Consiglio regionale.
4. Il verificarsi di ingiustificati disavanzi di gestione comporta il commissariamento dell'ASSAM da parte della Giunta regionale e la perdita dell'autonomia gestionale.
5. L'Agenzia è tenuta ad attuare il controllo di gestione.

Art. 15
(Vigilanza e controllo sugli organi)

1. Il Presidente della Giunta regionale dispone, ogni qualvolta lo ritenga opportuno, ispezioni contabili e amministrative per accertare il regolare funzionamento dell'ASSAM, utilizzando il personale regionale competente.
2. Gli organi dell'ASSAM e la commissione di cui all'articolo 8 possono essere rimossi o sciolti con decreto del Presidente della Giunta regionale, su conforme deliberazione della Giunta medesima, e previa diffida in caso di rilevata inefficienza amministrativa o per gravi violazioni di legge o di regolamento.
3. Con il medesimo decreto viene nominato un Commissario straordinario per un periodo non superiore a sei mesi, prorogabile una sola volta.

Art. 16
(Patrimonio)

1. L'ASSAM ha un proprio patrimonio immobiliare e mobiliare determinato, in via di prima costituzione, dai beni assegnati dalla Giunta regionale.
2. Tale patrimonio può essere incrementato con ulteriori assegnazioni o acquisizioni.

Art. 17
(Finanziamenti)

1. Il finanziamento dell'ASSAM è assicurato mediante:
a) i proventi dei servizi e delle attività;
b) i contributi a qualsiasi titolo disposti da enti pubblici o da persone fisiche o giuridiche private;
c) il contributo della Regione nelle spese di gestione relativo al programma di attività;
d) le eventuali entrate derivanti dalla partecipazione a progetti comunitari, nazionali e regionali, e ulteriori eventuali entrate.

2. Le spese del personale assegnato all'ASSAM ai sensi dell'articolo 21 sono computate in conto del contributo annuale sulle spese di gestione.
3. Il contributo annuale sulle spese di gestione viene determinato dalla Regione con legge di approvazione del bilancio dei singoli esercizi finanziari.

Art. 18
(Norme transitorie)

1. In sede di prima attuazione della presente legge, l'Amministratore unico dell'ASSAM propone il regolamento di organizzazione, di cui all'articolo 5, comma 1, lettera c), entro sessanta giorni dalla sua nomina.
CAPO II
Soppressione dell'ESAM


Art. 19
(Soppressione dell'Ente di sviluppo agricolo nelle Marche)

1. L'Ente di sviluppo agricolo nelle Marche (ESAM), istituito con l.r. 22 agosto 1988, n. 35, è soppresso.
2. Entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale nomina un Commissario liquidatore scelto fra coloro che siano in possesso di specifiche competenze professionali adeguate alle funzioni e ai compiti di cui all'articolo 20 e che abbia maturato esperienza almeno quinquennale con funzioni direttive in aziende pubbliche o private.
3. Fino alla nomina del Commissario liquidatore rimane in carica il Commissario straordinario dell'ESAM soppresso.
4. Al Commissario liquidatore compete, a titolo di compenso e per la durata dell'incarico, una indennità mensile pari all'80 per cento di quella prevista per l'Amministratore unico.

Art. 20
(Procedura di liquidazione)

1. Il Commissario liquidatore predispone le condizioni e adotta gli atti necessari alla liquidazione nei termini e nei modi previsti dalla presente legge.
2. All'atto del suo insediamento, il Commissario:
a) riceve il conto della gestione relativo al periodo successivo all'ultimo bilancio approvato;
b) prende in consegna sulla base di appositi inventari i beni, i libri e gli altri documenti dell'ESAM;
c) individua, d'intesa con la Giunta regionale, i beni dell'ESAM da trasferire a titolo gratuito all'ASSAM per l'espletamento delle funzioni di cui all'articolo 2 della presente legge;
d) accerta lo stato di attuazione dei compiti previsti dall'articolo 2 della l.r. 35/1988 nonchè gli altri eventualmente affidati all'ESAM da specifici provvedimenti regionali e trasferisce all'Agenzia le pratiche risultate non definite e relative ai compiti di cui all'articolo 2 della presente legge, unitamente alle relative dotazioni finanziarie residue. Analogamente lo stesso liquidatore provvede per quelle di competenza della Giunta regionale.

3. Entro sei mesi dalla nomina, il Commissario predispone il piano di liquidazione dell'Ente, da approvare con atto della Giunta regionale inviandone copia al Consiglio regionale.
4. Il piano di liquidazione prevede in particolare:
a) la formazione dello stato di consistenza dei beni di proprietà dell'Ente, la ricognizione dei rapporti attivi e passivi, l'individuazione dei procedimenti pendenti davanti all'autorità giudiziaria all'atto dello scioglimento dell'ESAM;
b) la ricognizione delle quote di partecipazione assunte dall'ESAM nell'esercizio delle proprie funzioni ai sensi delle norme vigenti;
c) lo svolgimento delle altre attività inerenti i predetti compiti o comunque connesse alla liquidazione dell'ente, secondo le modalità e con l'obbligo di informativa previsti nell'atto di nomina;
d) il compimento dei residui provvedimenti pendenti, affidati all'ESAM ai sensi della l.r. 35/1988, in esecuzione di atti amministrativi della Regione e non attribuiti ai sensi della presente legge, con particolare riferimento a quelli previsti dal comma 16.

5. La Giunta regionale con l'atto di approvazione del piano di liquidazione dispone anche in ordine al subingresso nei rapporti attivi e passivi ed al patrimonio residuo, alle liti attive e passive pendenti, al proseguo delle attività di liquidazione e di quant'altro necessario.
6. Per gli adempimenti di competenza, il Commissario si avvale di personale messo a disposizione della Giunta regionale.
7. Le cessioni, le alienazioni, i trasferimenti, ed ogni altro atto di disposizione del patrimonio devono essere portate a compimento in un tempo non superiore a due anni dalla data di approvazione del piano di liquidazione. Durante tale periodo, il Commissario trasmette semestralmente alla Giunta regionale una relazione sull'attività svolta, contenente l'elenco particolareggiato delle operazioni espletate.
8. Il Commissario compie tutti gli atti necessari alla liquidazione e può fare transazioni e compromessi. Il Commissario provvede all'amministrazione del patrimonio dell'ESAM fino alla liquidazione.
9. Alla fine di ogni esercizio finanziario il Commissario presenta alla Giunta regionale il bilancio della gestione congiuntamente ad una propria relazione.
10. Alla chiusura della liquidazione, il Commissario presenta alla Giunta regionale, che provvede a trasmetterlo al Consiglio regionale, il bilancio della gestione unitamente ad una propria relazione.
11. In attesa di diversa attribuzione, i compiti ad esaurimento relativi alla gestione dei beni di riforma fondiaria sono in ogni caso espletati attraverso gestioni speciali, con bilancio separato, ai sensi degli articoli 9, 10 e 11 della legge 30 aprile 1976, n. 386.
12. I terreni acquistati dall'ESAM ai sensi e per gli scopi della legge 26 maggio 1965, n. 590, devono essere assegnati agli aventi diritto nel rispetto delle norme vigenti entro centottanta giorni.
13. Le risultanze delle operazioni di liquidazione sono approvate dalla Giunta regionale.
14. Esaurita la procedura di liquidazione, la Regione succede all'ESAM in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi, non estinti dal Commissario o non trasferiti ad altro soggetto.
15. Sulla base delle risultanze accertate dal Commissario ed approvate dalla Giunta regionale, le passività residue dell'ESAM saranno iscritte nel bilancio regionale, le eventuali risultanze attive sono trasferite all'ASSAM.
16. Le passività derivanti dalle fidejussioni sono approvate e liquidate dalla Giunta regionale, su proposta del Commissario liquidatore nei limiti previsti dallo stanziamento disposto nel bilancio regionale.

Art. 21
(Assegnazione del personale)

1. Il personale nel ruolo unico regionale assegnato all'ESAM alla data di entrata in vigore della presente legge è assegnato per cinque anni rinnovabili con delibera della Giunta regionale, adottata su proposta dell'Amministratore unico dell'ASSAM, alle dipendenze funzionali dell'Agenzia stessa, nei limiti dei posti e delle qualifiche richieste per lo svolgimento dei compiti dell'Agenzia. L'assegnazione è disposta tenuto conto delle opzioni del personale, delle funzioni cui risulti addetto e delle professionalità possedute. Il restante personale resta assegnato alle dipendenze della Giunta regionale.
2. All'ASSAM, con le modalità di cui al comma 1, può essere assegnato anche personale del ruolo unico regionale non precedentemente assegnato all'ESAM.
3. Il personale assegnato all'ESAM e proveniente da enti diversi dalla Regione Marche riprende servizio presso le amministrazioni di appartenenza dal primo giorno del mese successivo alla data di entrata in vigore della presente legge, fatte salve le posizioni del personale comandato ai sensi della legge 4 dicembre 1993, n. 491.
4. Il personale con rapporto di lavoro a tempo determinato resta in servizio rispettivamente presso la Giunta regionale e l'ASSAM, fino alla scadenza del contratto.

Art. 22
(Abrogazione)

1. La l.r. 22 agosto 1988, n. 35, è abrogata, fatta eccezione per il comma 1 dell'articolo 27.
2. I riferimenti all'ESAM, contenuti nelle norme e disposizioni regionali, si intendono riferiti all'ASSAM se riguardanti funzioni da questa esercitate ai sensi dell'articolo 2 della presente legge. Tali funzioni fino alla costituzione dell'ASSAM sono svolte dalla Giunta regionale.
CAPO III
Consulta economica e della programmazione nel settore agroalimentare (CEPA)


Art. 23
(Istituzione della Consulta)

1. E' istituita la Consulta economica e della programmazione nel settore agroalimentare (CEPA) con il compito di formulare proposte ed esprimere pareri sulle seguenti questioni relative alla formazione e all'aggiornamento delle politiche agroalimentari e forestali della Giunta regionale:
a) piani del settore agroalimentare;
b) programmi di formazione professionale destinati al settore agroalimentare e forestale;
c) proposte di leggi e regolamenti.


Art. 24
(Composizione e funzionamento)

1. La Consulta resta in carica fino al termine della legislatura regionale in cui è stata nominata ed è composta da:
a) Assessore regionale all'agricoltura, o suo delegato, che la presiede;
b) quattro rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole maggiormente rappresentative;
c) quattro rappresentanti delle organizzazioni di cooperative agricole;
d) un rappresentante delle associazioni degli allevatori, degli apicoltori, dei bieticoltori, dei cerealicoltori, degli olivicoltori, dei vitivinicoltori, dei produttori ortofrutticoli e dei produttori biologici delle Marche;
e) un rappresentante dei lavoratori dipendenti del comparto agroalimentare designato dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.

2. La Consulta è costituita con decreto del Presidente della Giunta regionale, sulla base delle proposte e designazioni dei soggetti di cui al comma 1, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.
3. La Consulta si dota di un proprio regolamento di funzionamento. Le funzioni di segretario sono svolte da un funzionario dell'area agroalimentare.
4. Ai componenti viene corrisposto il rimborso spese di cui alla l.r. 2 agosto 1984, n. 20 e successive modificazioni ed integrazioni.
5. Dopo tre assenze consecutive, non adeguatamente giustificate, i membri della Consulta decadono.
CAPO IV
Disposizioni finali


Art. 25
(Promozione e valorizzazione dei prodotti agricoli e servizio fitosanitario)

1. Le funzioni relative alla promozione e valorizzazione dei prodotti agricoli sono di competenza della Regione che si avvale a tale scopo dei servizi del settore agroalimentare della Giunta regionale.
2. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta, approva ogni tre anni il programma di promozione per il settore agroalimentare sentito il parere della Consulta di cui al precedente articolo e della competente Commissione consiliare.
3. Il programma individua gli indirizzi generali dell'attività promozionale e le aree geografiche verso cui l'attività deve essere rivolta.
4. In conformità al programma triennale la Giunta regionale approva un programma esecutivo annuale.
5. Il servizio fitosanitario ed i relativi compiti di cui alla l.r. 16 gennaio 1995, n. 11 sono assegnati all'ASSAM.

Art. 26
(Divulgatori agricoli)

1. Sono inquadrati nel ruolo unico regionale i divulgatori agricoli specializzati e polivalenti, ai sensi del regolamento CEE 6 febbraio 1979, n. 270, che siano stati ammessi ai corsi per divulgatori agricoli presso il Consorzio interregionale per la formazione dei divulgatori agricoli (CIFDA) per il centro Italia, costituito ai sensi della l.r. 3 maggio 1982, n. 14, a seguito di pubblico concorso bandito dallo stesso Consorzio con riferimento alla Regione Marche e che abbiano superato le prove finali dei corsi.
2. Per le finalità, di cui al comma 1, la Giunta regionale individua nella dotazione organica del ruolo unico regionale n. 19 posti della settima qualifica funzionale.
3. L'inquadramento del personale di cui al comma 1 avviene su domanda degli interessati entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.
4. Il personale inquadrato nel ruolo unico è assegnato ai servizi del settore agroalimentare e all'ASSAM con le modalità di cui all'articolo 21.

Art. 27
(Disposizioni finanziarie)

1. Con legge di approvazione del bilancio regionale è stabilita per l'anno 1997 e successivi l'entità della spesa per l'attuazione degli interventi di cui all'articolo 17, lettera c) ed all'articolo 19.
2. Alla copertura delle spese di cui al comma 1 si provvede per ciascuno degli anni 1997 e 1998 mediante impiego delle somme iscritte ai fini del bilancio pluriennale 1996/1998 sul capitolo 3111103 che si rendono disponibili a seguito dell'abrogazione della l.r. 35/1988; per gli anni successivi mediante impiego di quota parte del gettito dei tributi propri della Regione.
3. Alla copertura delle spese previste dall'articolo 26 si provvede per ciascuno degli anni 1997 e 1998 mediante impiego delle somme ascritte, ai fini del bilancio pluriennale 1996/1998, a carico del capitolo 3115110 che reca la necessaria disponibilità; per gli anni successivi mediante impiego di quota parte del gettito dei tributi propri della Regione.
4. Le somme occorrenti per il pagamento delle spese di cui al comma 1 sono iscritte per l'anno 1997 a carico dei capitoli che la Giunta regionale è autorizzata ad istituire nello stato di previsione della spesa del bilancio del detto anno con le seguenti denominazioni:
a) "Contributo all'ASSAM nelle spese di gestione";
b) "Spese per il Commissario liquidatore dell'ESAM";
per gli anni successivi a carico dei capitoli corrispondenti.


Art. 28
(Dichiarazione d'urgenza)

1. La pesente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione.