Leggi e regolamenti regionali
Estremi del documento | Vai al testo storico | Iter della legge


Atto:LEGGE REGIONALE 21 dicembre 2012, n. 44
Titolo:Individuazione del limite demografico minimo delle Unioni dei Comuni e modifica alla Legge regionale 1° luglio 2008, n. 18 “Norme in materia di Comunitŕ Montane e di esercizio associato di funzioni e servizi comunali”
Pubblicazione:( B.U. 27 dicembre 2012, n. 124 Suppl. n. 7)
Stato:Vigente
Tema: ORDINAMENTO ISTITUZIONALE
Settore:ENTI LOCALI - AUTONOMIE FUNZIONALI
Materia:Disposizioni generali

Sommario




Art. 1
(Limite demografico minimo ai sensi dell’articolo 14 del d.l. 78/2010)

1. Il limite demografico minimo delle unioni dei comuni e delle convenzioni di cui all’articolo 14, comma 31, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica), convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, è fissato in 5.000 abitanti.
1 bis. Resta fermo il limite dei 3.000 abitanti, stabilito dall’articolo 14, comma 31, del d.l. 78/2010 per i comuni che appartengono o sono appartenuti a comunità montane.

Nota relativa all'articolo 1
Cosě modificato dall'art. 1, l.r. 26 settembre 2014, n. 23.

Art. 2
(Sostituzione dell’articolo 22 della l.r. 18/2008)

1. .............................................................................

Nota relativa all'articolo 2
Il comma 1 sostituisce l'art. 22, l.r. 1° luglio 2008, n. 18.

Art. 3
(Disposizione finale e transitoria)

1. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge le Conferenze provinciali delle autonomie presentano il programma di riordino territoriale di cui all’articolo 22 della l.r. 18/2008, così come modificato dall’articolo 2 della presente legge.


Art. 4
(Dichiarazione d’urgenza)

1. La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione.