“LA COSA GIUSTA”, UN LIBRO A TINTE GIALLOROSA
Il romanzo scritto dalla camerte Donatella Pazzelli è stato presentato a Palazzo delle Marche nell’ambito del ciclo di incontri “Librifuoriteca”, a cura della Biblioteca del Consiglio regionale. All’incontro ha partecipato il Vicepresidente del Consiglio regionale, Gianluca Pasqui

Un lutto mai elaborato, il matrimonio, il colpo di scena ed un finale “aperto”. Sono alcuni degli ingredienti del libro “La cosa giusta” (ed. Pendagron), il secondo romanzo di Donatella Pazzelli, presentato a Palazzo delle Marche nell’ambito del ciclo di incontri letterari “Librifuoriteca", a cura della Biblioteca del Consiglio regionale. A presentare il volume, oltre all’autrice, il Vicepresidente del Consiglio regionale, Gianluca Pasqui, e il vicesindaco e assessore alla Cultura della città di Camerino, Antonella Nalli, uniti dalla comune origine camerte. Il Vicepresidente Pasqui ha sottolineato come anche questa iniziativa “si colloca nel vario e articolato percorso culturale che trova spazio all’interno del Palazzo, sede dell’Assemblea legislativa”. “Questo volume ha un significato particolare – ha aggiunto Pasqui – perché parla di un tema di grande attualità, quello della violenza sulle donne”. Da parte sua l’autrice ha posto l’accento sull’interrogativo che accompagna la trama e le pagine dell’intero romanzo, cioè quello legato alla scelta della “cosa giusta” da fare nel momento in cui ci si trova di fronte ad un bivio della vita. Il romanzo, pubblicato nel 2021, ha già partecipato a diversi concorsi letterari e si è classificato al sesto posto (su 220 partecipanti) al premio internazionale Samnium di Benevento.

L.B.
Comunicato n.270, Mercoledì 23 Novembre 2022