Testata sito

 

MODIFICHE PER LA LEGGE ELETTORALE

Introdotta l’incompatibilità tra la candidatura a Presidente della Giunta e quella a consigliere che sarà operativa a partire dalla XII legislatura, tra cinque anni. In vigore invece da subito la riduzione del numero di firme necessarie per la presentazione delle liste. Nel corso della seduta via libera anche per le modifiche del Testo unico del turismo. Ok al Piano regionale per il diritto allo studio 2020-2023. Disco verde per la pdl riguardante la professione di guida alpina. In chiusura di lavori licenziate le disposizioni urgenti in tema di sviluppo economico, attività produttive e prelievo venatorio e apportate alcune modifiche tecniche alla normativa sulle reti escursionistiche.

Via libera dell'Assemblea legislativa, con 15 voti a favore e 8 contrari, per la modifica alla legge elettorale che prevede l’incompatibilità tra la candidatura a Presidente della Giunta e quella a consigliere regionale. Sarà operativa dalla XII legislatura in base a un emendamento di Gianluca Busilacchi (art.1) approvato dopo un lungo e articolato dibattito. Entrerà in vigore, invece, già a partire dalla prossima tornata elettorale la riduzione del numero di firme necessarie per la presentazione delle liste. Nel corso della seduta via libera anche per le modifiche del Testo unico del turismo. Ok al Piano regionale per il diritto allo studio 2020-2023. Disco verde per la pdl riguardante la professione di guida alpina. In chiusura di seduta licenziate le disposizioni urgenti in tema di sviluppo economico, attività produttive e prelievo venatorio e apportate alcune modifiche tecniche alla normativa sulle reti escursionistiche.

MODIFICHE TESTO UNICO TURISMO

Approvata a larga maggioranza la pdl che va a modificare il Testo unico in materia di turismo. Il tagliando al testo di legge si è reso necessario alla luce delle nuove forme di accoglienza turistica presenti sul mercato e allo scopo di promuovere e valorizzare al meglio l’offerta regionale. Gli articoli interessati dalle modifiche riguardano pertanto i ruoli degli attori pubblici e privati, le funzioni e la valorizzazione degli uffici di informazione e accoglienza turistica (Iat), l’adeguamento e la stessa previsione delle più recenti forme di accoglienza (Condhotel, residenze d’epoca, marina resort e resort-boat, garden sharing), il rafforzamento delle piattaforme informatiche e i piani di accessibilità che garantiscono una più forte presenza e qualità dell’offerta. Sull’atto, al quale erano abbinate altre tre proposte di legge, hanno relazionato i consiglieri Boris Rapa (Uniti per le Marche) e Piero Celani (FI). Ne è seguito un ampio dibattito che ha visto intervenire numerosi consiglieri in rappresentanza di quasi tutte le forze politiche, il Presidente Luca Ceriscioli e l’assessore al Turismo, Moreno Pieroni.

GUIDE ALPINE

Via libera dal Consiglio regionale alle modifiche della legge che disciplina le attività professionali nei settori del turismo e del tempo libero. La pdl, a iniziativa del consigliere Gianluca Busilacchi, relatore dell’atto insieme a Piero Celani (FI), è stata licenziata all’unanimità. Il testo legislativo interviene adeguando la normativa regionale a quella nazionale per quanto riguarda la professione delle guide alpine. Attraverso la pdl viene riscritto l’art.35 della legge 4/96 definendo due gradi della professione di guida alpina: I° grado (aspirante guida) e II° grado (guida alpina maestro di alpinismo) con l’obiettivo di una chiara differenziazione delle competenze. Vengono posti i limiti delle attività per cui si consegue l'abilitazione e indicate le aree di attività su cui basare lo standard formativo. In primo piano, inoltre, la formazione e l’abilitazione degli accompagnatori di media montagna. Modificate anche le disposizioni per la concessione di contributi al Collegio regionale delle guide alpine specificatamente per l’opera prestata nelle operazioni di soccorso, di protezione civile, per la promozione della diffusione dell’alpinismo e dell’escursionismo, l’attrezzatura di vie ferrate, sentieri attrezzati e vie di arrampicate.

PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO 2020-2023

Via libera a maggioranza per “Piano regionale per il diritto allo studio per il triennio 2020-2023”. La proposta di atto amministrativo, a iniziativa della Giunta regionale, fissa gli obiettivi e gli indirizzi generali, le priorità degli interventi, i criteri e le condizioni per l’attribuzione delle prestazioni per garantire il diritto allo studio alla popolazione studentesca. Il sistema di governance integrato e rafforzato (Erdis) ha consentito di meglio perseguire gli obiettivi prefissati nel precedente Piano. Obiettivi che si punta a consolidare e migliorare proprio attraverso il ruolo degli attori principali del diritto allo studio regionale, Regione e Erdis, chiamati anche a coinvolgere nel processo condiviso e cooperativo i soggetti operanti nel mondo della scuola. Nel documento viene tenuto conto anche dell’impatto che Covid-19 e crisi economica avranno nel contesto sociale riferito a famiglie e scuola. Il provvedimento è stato illustrato dai consiglieri Francesco Giacinti (Pd) e Gianni Maggi (M5S).

DISPOSIZIONI URGENTI PER SVILUPPO ECONOMICO E RETI ESCURSIONISTICHE

Licenziate dall’Assemblea legislativa le disposizioni urgenti in tema di sviluppo economico, attività produttive e prelievo venatorio. La proposta di legge a iniziativa del Presidente della seconda commissione, Gino Traversini, era stata inserita d’urgenza nell’ordine del giorno della seduta. Relatori lo stesso Traversini e il Vicepresidente Piero Celani (FI). E’ stata approvata in chiusura di lavori insieme a un’altra pdl che apporta alcune modifiche tecniche alla normativa sulle reti escursionistiche.

ESAME DELLE INTERROGAZIONI

Apertura dei lavori del Consiglio dedicata alle interrogazioni. Esaminate quelle riguardanti la riqualificazione della “Casa del Mutilato” ad Ancona, la fornitura di pannoloni da parte del ssn, il conferimento di un incarico presso Ospedali riuniti Ancona, l’infestazione del tarlo asiatico, l’impianto di cremazione a Tolentino, la scelta del progetto per il nuovo ospedale di Primo livello a Macerata, le iniziative per fronteggiare le criticità del sistema sanitario in periodo di Covid, l’iter autorizzativo per la piena operatività della RSA di Villa Fastiggi e l’accessibilità al servizio di circoncisione non terapeutica. La giunta ha risposto anche alle due interrogazioni abbinate relative alla sospensione dei servizi per la disabilità in diversi Comuni durante il periodo di lockdown.



Redazione Ufficio Stampa
Mercoledì 1 Luglio 2020
 

 
 
Consiglio - Assemblea legislativa delle Marche
Piazza Cavour 23 - 60121 Ancona
TEL. 07122981  FAX 0712298203  PEC assemblea.marche@emarche.it
Codice Fiscale  80006310421