CONSIGLIO IN DIRETTA/5

UNIONI MONTANE, MODIFICA TECNICA PER FACILITARE L'INGRESSO DEI COMUNI Approvata la proposta di legge che semplifica la partecipazione dei Comuni e individua premialità per i processi di aggregazione. Norme vigenti dal gennaio 2021.
Sarà più semplice per un Comune entrare nelle Unioni montane. Lo stabilisce la proposta di legge a firma dei consiglieri Pd Traversini, Sciapichetti e Giancarli, approvata dal Consiglio regionale con 16 voti favorevoli e 2 astenuti. La proposta, di cui sono relatori Minardi e Maggi, costituisce un aggiustamento tecnico alla legge regionale del 2013 "Norme in materia di unioni montane e di esercizio associato delle funzioni dei Comuni montani" e prevede che possono chiedere di partecipare a un'Unione Montana già costituita i Comuni appartenuti a Comunità montane anche non confinanti con il territorio dell’ Unione; i Comuni montani e parzialmente montani con popolazione non superiore a 10.000 abitanti confinanti con il territorio dell’Unione; i Comuni non montani con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, confinanti con il territorio dell’Unione. Previste inoltre premialità alle Unioni per i processi di aggregazione andati a buon fine e disincentivi in caso contrario. Le disposizioni della legge, come stabilito da un emendamento approvato dall'Aula, entreranno in vigore dal primo gennaio del 2021.
Martedì 21 Luglio 2020