DISPOSIZIONI PER LA RIGENERAZIONE URBANA

L’Aula approva le modifiche a due leggi regionali in materia di attività edilizia. Principi cardine la semplificazione amministrativa, la riduzione del consumo di suolo e la omogenea conformazione degli assetti urbanistici. Via libera anche al Programma statistico regionale 2021/2023. Accolte le mozioni per l’istituzione del Registro dei Tumori del centro Italia e per il conferimento della cittadinanza italiana a Patrick Zaki.
Via libera da parte del Consiglio regionale alla proposta di legge che contiene disposizioni in materia di rigenerazione urbana e attività edilizia. Alla legge, approvata nel testo base proposto dalla Giunta regionale con 18 voti favorevoli e 10 astenuti, era precedentemente abbinata un’altra proposta di legge ad iniziativa dei consiglieri Dino Latini (Udc, primo firmatario), Gianluca Pasqui e Jessica Marcozzi (FI), Giacomo Rossi (Civici Marche). Il provvedimento normativo si pone l’obiettivo, intervenendo su due precedenti leggi regionali, di fornire una definizione di rigenerazione urbana uniforme per tutto il territorio regionale. Principi ispiratori delle modifiche proposte (come quella di favorire gli interventi di demolizione/ricostruzione con esiti diversi in termini di sagome, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche) sono quelli della riduzione del consumo di suolo e quello del perseguimento di una omogenea conformazione degli assetti urbanistici. Ulteriore finalità è quella di ridare avvio al settore edilizio, anche attraverso una significativa semplificazione amministrativa delle procedure burocratiche. Hanno relazionato in Aula sul provvedimento i consiglieri Luca Serfilippi (Lega) per la maggioranza e Anna Casini (Pd) per la minoranza. E’ intervenuto l’assessore all’edilizia e urbanistica Stefano Aguzzi.

PROGRAMMA STATISTICO REGIONALE

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di atto amministrativo concernente il Programma statistico regionale per le annualità 2021/2023, relatori sul provvedimento i consiglieri Carlo Ciccioli (FdI) per la maggioranza e Fabrizio Cesetti (Pd) per la minoranza. Il Piano rappresenta, per il triennio 2021/2023, il quadro delle linee di lavoro su cui saranno articolate le attività statistiche. Nel Piano viene pertanto definito il quadro di riferimento normativo regionale, nazionale e comunitario e vengono evidenziati i rapporti, la regolamentazione ed il funzionamento dei sistemi statistici a tutti i livelli istituzionali. Nei più dettagliati piani attuativi annuali sono elencate e definite le rilevazioni, i progetti e le elaborazioni statistiche da effettuare in ciascun anno di riferimento, in conformità alle finalità e agli obiettivi approvati dall’Assemblea legislativa. Per sviluppare la qualità dell’informazione statistica ufficiale è stato di recente sottoscritto un Protocollo di intesa tra Istat-Conferenza delle Regioni-Anci-Upi, nell’ambito del quale saranno eventualmente individuate ulteriori fonti di informazione e di conoscenza ai fini statistici.

ISTITUZIONE DEL REGISTRO DEI TUMORI DEL CENTRO ITALIA
Via libera alla mozione, ad iniziativa del gruppo Pd, per l’istituzione del Registro Tumori del Centro Italia. La mozione rafforza ed amplia le funzioni del Registro regionale dei Tumori, istituito nel 2013, allo scopo di studiare e monitorare la diffusione del fenomeno oncologico nel tempo e nella popolazione residente. Con l’atto approvato si impegna inoltre la Giunta regionale ad attivarsi in sinergia con le altre regioni del centro Italia (Lazio, Toscana, Abruzzo e Umbria) per la costituzione di un Registro dei Tumori del centro Italia, con un team di ricerca ed analisi scientifica interregionale. Il testo del provvedimento è stato integrato da un emendamento, sottoscritto anche dai gruppi di maggioranza, che aggiunge altri due punti all’impegno nella direzione di attivarsi presso gli organi competenti al fine di rendere pubblici i dati aggiornati del Registro Tumori Marche, ad oggi purtroppo in stallo e risalenti al periodo 2010-2012, e per lavorare in sinergia con AIRTUM e AIOM, le associazioni nazionali che gestiscono la banca dati e la loro relativa pubblicazione annuale a livello nazionale, eventualmente creando un gruppo di lavoro regionale.

MOZIONE PER LA CITTADINANZA ITALIANA A PATRICK ZAKI

Accolta la mozione, ad iniziativa dei consiglieri del gruppo Pd, per il conferimento della cittadinanza italiana allo studente egiziano, Patrick George Zaki, attualmente detenuto in carcere in Egitto. Nella narrativa del provvedimento viene ricostruita la nota vicenda dello studente, iscritto all’Università di Bologna, incarcerato dalla polizia egiziana al suo rientro in patria per far visita ai suoi famigliari. Con la mozione si impegna la Giunta regionale a inviare al Governo una sollecitazione formale affinché sia conferita la cittadinanza italiana a Patrick George Zaki, simbolo di una vita impegnata nella conoscenza, nella tutela e nel rispetto dei diritti di tutti, a partire da chi questi diritti li vede costantemente violati e non riconosciuti, nonché ad esporre l’opera “Ritratto di parole per Patrick Zaki”, realizzata dall’artista romana di Calligraphy Art Francesca Grosso, su commissione dell’associazione InOltrepromotrice della campagna nazionale, a costante memoria dell’impegno che abbiamo nei confronti dei diritti, della cultura, della libertà e della solidarietà.

L.B.
Martedì 29 Giugno 2021