SICUREZZA SUL LAVORO E FONDO PER VITTIME DI INFORTUNI
Atto di indirizzo del Consiglio regionale per contrastare il fenomeno degli infortuni e delle morti sul lavoro. Approvato anche un ordine del giorno per l'istituzione di un fondo dedicato alle vittime. Via libera al Rendiconto dell'Assemblea, al Programma statistico regionale e alla proroga dei termini per la pesca alle vongole.

 immagine primo piano Mozione unanime del Consiglio regionale in tema di azioni di contrasto agli infortuni sul lavoro. Ritenuto che anche le istituzioni marchigiane possano svolgere la propria parte per contenere questo dilagante fenomeno su scala nazionale il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la mozione sottoscritta da tutti i capigruppo, primo firmatario il Presidente dell’Assemblea, Dino Latini. Tra i numerosi impegni contenuti nel dispositivo, anche quello di introdurre disposizioni di carattere premiale in favore delle imprese che assicurino ulteriori e più salde tutele per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e a rafforzare misure sanzionatorie per le imprese che si rendono responsabili di violazioni in tema di sicurezza.
(Riferimento comunicato n.133)

FONDO PER LE VITTIME DI INFORTUNI SUL LAVORO

Nel corso della seduta è stato votato all’unanimità un ordine del giorno, proposto dal Presidente del Consiglio regionale Dino Latini, nel quale si prevede di destinare la somma dell’avanzo libero del Rendiconto dell’Assemblea legislativa, o parte di essa, all’istituzione di un fondo regionale di solidarietà per le vittime degli incidenti sul lavoro, “al fine di alleviare – si legge nel provvedimento – le conseguenze e i disagi economici dei familiari delle persone che sono decedute a seguito di incidenti avvenuti per ragioni di lavoro”.

RENDICONTO ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Via libera a maggioranza alla proposta di atto amministrativo concernente il Rendiconto dell’Assemblea legislativa per l’anno 2023. Nel dettaglio del provvedimento si registra un saldo positivo di gestione pari a 2.704.032,83 euro, che prevede 600.043,72 euro di avanzo vincolato derivante da entrate Agcom (di cui € 544.374,08 della gestione 2022); 341.803,62 euro di avanzo accantonato per indennità fine mandato e contributi previdenziali dei consiglieri regionali e 20.000 euro per spese legali su contenziosi in atto (per un totale di 361.803,62); 1.742.185,49 euro di avanzo libero derivante da economie di stanziamento dei capitoli del bilancio di previsione 2023. Accompagnano il Rendiconto le relazioni del Segretario generale sull’attività complessiva svolta dall’Assemblea legislativa, quelle degli Organismi di Garanzia (Corecom, Garante diritti, Commissione pari opportunità) e del Collegio dei Revisori dei conti della Regione Marche, che ha espresso parere positivo. Il documento è stato relazionato in Aula dal Vicepresidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui.
(Riferimento comunicato n.134)

PROROGA TERMINI PER LA PESCA DELLE VONGOLE

Disposta la proroga di sei mesi del termine transitorio previsto dal regolamento disciplinare per la pesca dei molluschi bivalvi. L’articolo 10 del suddetto regolamento individua anche le quattro aree di pesca ed elenca le imbarcazioni autorizzate all’attività di pesca in ciascuna di tali aree. Con questa proroga, espressa con voto di maggioranza, il termine viene fatto slittare al 31 dicembre 2024 a partire dall’attuale scadenza del 30 giugno 2024. La situazione che si è intesa prorogare è lo specchio del monitoraggio effettuato con profilo scientifico sull’assetto attuale in base alla sua effettiva sostenibilità. La proroga di sei mesi del regime transitorio sarà anche utile per incardinare un percorso di confronto con il Ministero competente sui profili amministrativi connessi al rilascio delle licenze di pesca. Il provvedimento è stato illustrato in Aula dai consiglieri Andrea Putzu (FdI) per la maggioranza e Antonio Mastrovincenzo (Pd). Prima del voto è intervenuto il Presidente della Giunta regionale, Francesco Acquaroli.

PROGRAMMA STATISTICO REGIONALE

Con un via libera a maggioranza l’Assemblea legislativa ha approvato la proposta di atto amministrativo che contiene il Programma statistico regionale per il triennio 2024-2026. Il provvedimento, a iniziativa della Giunta regionale e relazionato da Jessica Marcozzi (FI) per la maggioranza e Andrea Biancani (Pd) per la minoranza, definisce le linee generali dell’attività, sia rispetto alle esigenze informative, sia rispetto alle azioni di sviluppo del Sistar (Sistema statistico regionale), organo intermedio di rilevazione dell’Istat. Tra i compiti previsti quello di raccogliere, gestire, elaborare, analizzare e diffondere le informazioni statistiche di interesse regionale, nazionale e comunitario.

L.B.
Martedì 25 Giugno 2024