Testata sito

 

Leggi e regolamenti regionali

Estremi del documento | Vai al testo storico |Iter della legge


Atto:LEGGE REGIONALE 2 giugno 1992, n. 21
Titolo:Nuove norme per la promozione di attività di educazione permanente.
Pubblicazione:( B.U. 11 giugno 1992, n. 51 )
Stato:Vigente
Tema: SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA’
Settore:ISTRUZIONE - FORMAZIONE
Materia:Disposizioni generali

Sommario


Art. 1 (Finalità)
Art. 2 (Corsi di orientamento musicale e centri di educazione permanente)
Art. 3
Art. 4
Art. 5 (Disposizioni finanziarie)
Art. 6 (Disciplina dell'organizzazione)
Art. 7 (Abrogazione)


Art. 1
(Finalità)

1. I comuni organizzano lo svolgimento delle attività, già comprese fra le istituzioni di educazione popolare, di cui al decreto legislativo del capo provvisorio dello Stato 17 dicembre 1947, n. 1599 ratificato con modificazioni dalla legge 16 aprile 1953, n. 326 e successive modifiche, con particolare riguardo ai corsi di orientamento musiciale e ai centri sociali di educazione permanente.
2. I comuni, sulla base dei programmi concordati con i distretti scolastici, possono organizzare, altresì, nell'ambito dei centri sociali di educazione permanente, le altre attività di educazione permanente previste dalla legge 16 aprile 1953, n. 326 e successive modificazioni ed integrazioni.

Art. 2
(Corsi di orientamento musicale e centri di educazione permanente)

1. La Regione può finanziare l'istituzione di corsi di orientamento musicale e l'attuazione di centri di educazione permanente.
1 bis. La Giunta regionale delibera i criteri e le modalità relativi alla concessione dei finanziamenti di cui al comma 1.

Nota relativa all'articolo 2
Articolo prima sostituito dall'art. 24, l.r. 11 marzo 2003, n. 3, poi modificato dall'art. 10, l.r. 28 ottobre 2003, n. 19, e dall'art. 7, l.r. 3 aprile 2015, n. 13.
Ai sensi del comma 11 dell'art. 6, l.r. 3 aprile 2015, n. 13, le disposizioni abrogate o modificate in virtù dell’art. 7 della medesima legge continuano ad applicarsi fino alla data di effettivo esercizio da parte della Regione delle funzioni trasferite.


Art. 3

...............................................................................................

Nota relativa all'articolo 3
Abrogato dall'art. 24, l.r. 11 marzo 2003, n. 3.

Art. 4

...............................................................................................

Nota relativa all'articolo 4
Abrogato dall'art. 24, l.r. 11 marzo 2003, n. 3.

Art. 5
(Disposizioni finanziarie)

1. Per l'attuazione della presente legge sono autorizzate le seguenti spese:
a) per l'anno 1992, lire 1.068 milioni così ripartite:
a1) per le finalità di cui all'articolo 1, lire 1.038 milioni;
a2) per le finalità di cui all'articolo 4, lire 30 milioni;
b) per l'anno 1993 e per gli anni successivi, lire 1.770 milioni così ripartite:
b1) per le finalità di cui all'articolo 1, lire 1.740 milioni;
b2) per le finalità di cui all'articolo 4, lire 30 milioni.

2. Alla copertura delle spese autorizzate per effetto della presente legge si provvede nel modo che segue:
a) per gli oneri relativi all'anno 1992, pari a lire 1.068 milioni:
a1) quanto a lire 600 milioni e lire 204 milioni con le somme iscritte a carico, rispettivamente, dei capitoli 4113102 e 4113103 dello stato di previsione della spesa del bilancio del detto anno;
a2) quanto a lire 264 milioni, mediante riduzione, per pari importo, dello stanziamento del fondo globale di cui al capitolo 5100101, all'uopo utilizzando quota parte dell'apposito accantonamento, partita 10 dell'elenco 1;
b) per gli oneri relativi agli anni 1993 e 1994, pari a lire 1.770 milioni:
b1) quanto a lire 166 milioni, lire 600 milioni e lire 204 milioni, con le somme iscritte, ai fini del bilancio pluriennale a carico, rispettivamente, dei capitoli 4111102, 4113102 e 4113103;
b2) quanto a lire 800 milioni, mediante riduzione, per pari importo, dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio pluriennale, a carico del fondo globale di cui al capitolo 5100101, all'uopo utilizzando le proiezioni dell'apposito accantonamento, partita 10 dell'elenco 1.

3. Le somme occorrenti per il pagamento delle spese previste dalla presente legge sono iscritte a carico dei seguenti capitoli:
a) per l'anno 1992:
a1) per le spese di cui all'articolo 3, a carico del capitolo 4113102, la cui denominazione è così modificata "Contributi ai comuni per il finanziamento dei corsi di orientamento musicale nonchè per le attività di educazione permanente" con stanziamento di competenza e di cassa di lire 1.038 milioni;
a2) per le spese di cui all'articolo 4, a carico del capitolo 4113104 che si istituisce con la denominazione "Spese per la organizzazione di convegni, seminari e corsi di aggiornamento e specializzazione per gli insegnanti dei corsi di orientamento musicale e dirigenti dei centri di educazione permanente", con stanziamenti di competenza e di cassa di lire 30 milioni;
b) per gli anni successivi, a carico dei capitoli corrispondenti.

4. Gli stanziamenti di competenza e di cassa dei capitoli 4113103 e 5100101 dello stato di previsione della spesa del bilancio per l'anno 1992 sono ridotti, rispettivamente, di lire 204 milioni e lire 264 milioni.

Art. 6
(Disciplina dell'organizzazione)

1. Entro novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge la giunta regionale emana nuove norme per la disciplina dell'organizzazione e del finanziamento delle attività di cui agli articoli precedenti.

Art. 7
(Abrogazione)

1. ............................................................................................

Nota relativa all'articolo 7
Abroga la l.r. 19 maggio 1980, n. 30.
 

 
 
Consiglio - Assemblea legislativa delle Marche
Piazza Cavour 23 - 60121 Ancona
TEL. 07122981  FAX 0712298203  PEC assemblea.marche@emarche.it
Codice Fiscale  80006310421