Leggi e regolamenti regionali
Estremi del documento | Vai al testo vigente |Iter della legge


Atto:LEGGE REGIONALE 17 marzo 1998, n. 4
Titolo:Istituzione della struttura regionale di collegamento presso l'Unione Europea ex articolo 58 della legge 6 febbraio 1996, n. 52.
Pubblicazione:( B.U. 26 marzo 1998, n. 27 )
Stato:Vigente
Tema: ORDINAMENTO ISTITUZIONALE
Settore:AMMINISTRAZIONE REGIONALE
Materia:Ordinamento degli uffici e del personale

Sommario




Art. 1
(Finalità)

1. La Regione, al fine di realizzare un efficace sistema di relazione con le Istituzioni comunitarie nelle materie di rispettiva competenza, istituisce, ai sensi dell'articolo 58, comma 4, della legge 6 febbraio 1996, n. 52, un ufficio regionale di collegamento presso la sede delle Istituzioni dell'Unione europea in Bruxelles, di seguito denominato "ufficio".
2. L'ufficio opera quale strumento di collegamento tecnico-amministrativo e informativo tra le strutture regionali e gli uffici delle Istituzioni comunitarie competenti nelle medesime materie.
3. L'ufficio assicura altresì il collegamento della Regione con la rappresentanza permanente dell'Italia presso l'Unione europea.
4. La Giunta regionale promuove opportune forme di collaborazione con le altre Regioni al fine di ridurre le spese di funzionamento dell'ufficio e di coordinare le comuni attività di rappresentanza presso l'Unione Europea.

Art. 2
(Personale e dipendenza funzionale)

1. Per il raggiungimento delle finalità di cui all'articolo 1, l'ufficio può avvalersi di:
a) personale regionale;
b) personale assunto con contratto a termine di diritto privato, rinnovabile.

2. La Giunta regionale provvede con propria deliberazione, entro tre mesi dall'entrata in vigore della presente legge, a definire la struttura dell'ufficio.
3. L'ufficio dipende funzionalmente dal Presidente della Giunta regionale.
4. Possono avvalersi dell'ufficio, per informazioni e consulenze, i Consiglieri regionali delle Marche.

Art. 3
(Trattamento economico)

1. Al personale assegnato all'ufficio è corrisposta, per il periodo di durata dell'incarico, un'indennità mensile a titolo forfettario delle spese sostenute per la permanenza nella sede di servizio all'estero.
2. L'indennità di cui al comma 1 è determinata dalla Giunta regionale in misura non superiore a quella spettante al personale in servizio nella rappresentanza permanente dell'Italia presso l'Unione europea avente corrispondente qualifica funzionale.

Art. 4
(Norme transitorie)

1. Le spese derivanti dall'attuazione della presente legge, per l'anno 1998 e successivi, faranno carico agli stanziamenti preordinati al funzionamento e mantenimento istituzionale.