Testata sito

 

Leggi e regolamenti regionali

Estremi del documento | Vai al testo storico |Iter della legge


Atto:REGOLAMENTO REGIONALE 28 febbraio 1979, n. 9
Titolo:Determinazione della quota dei contributo di concessione commisurata al costo di costruzione degli edifici.
Pubblicazione:(B.U. 8 marzo 1979, n. 13)
Stato:Vigente
Tema: TERRITORIO - AMBIENTE E INFRASTRUTTURE
Settore:EDILIZIA
Materia:Edilizia abitativa

Sommario


Art. 1
Art. 2
Art. 3
Art. 4
Art. 5
Art. 6
Art. 7
Art. 8
Allegati


Art. 1

Il contributo afferente alla concessione relativa all'edilizia abitativa, ai sensi dell'art. 6, terzo comma, della legge 28.1.1977, n. 10, è determinato in base ai successivi articoli, quale quota del costo di costruzione stabilito con D.M. 10.5.1977 ed eventuali successive modificazioni, per i nuovi edifici e per gli ampliamenti; nonché quale del costo di costruzione stabilito dal comune, in base ai progetti presentati per ottenere la concessione, per gli interventi su edifici esistenti che non configurino ampliamenti.

Art. 2

L'aliquota da applicare al costo di costruzione di cui al precedente articolo, in relazione alle caratteristiche tipologiche ed alla ubicazione per zone omogenee, della parte residenziale delle costruzioni, è determinata in base alla tabella A) allegata al presente regolamento, con riferimento a ciascuno degli alloggi costituenti l'edificio.

Art. 3

L'aliquota da applicare al costo di costruzione di cui all'art. 1, stabilita in relazione alle caratteristiche tipologiche e all'ubicazione per zone omogenee, delle pertinenze non residenziali delle costruzioni, è determinato in base alla tabella B) allegata al presente regolamento.

Art. 4

L'aliquota da applicare al costo di costruzione, di cui all'art. 1, stabilita in relazione alle caratteristiche costruttive delle abitazioni, determinata in base alla tabella C) allegata al presente regolamento.

Art. 5

La media delle aliquote di cui agli articoli precedenti si somma ai coefficienti riportati nella tabella D) allegata al presente regolamento variabili a seconda dell'ubicazione del comune (fascia costiera, fascia medio–collinare, fascia montana), quale determinata dalla tabella E) allegata al regolamento regionale del 23.7.1977, n. 6.

Art. 6

Le aliquote risultanti in base agli articoli precedenti, applicate al costo di costruzione, di cui all'art. 1, di ciascuno dei singoli alloggi costituenti l'edificio, determina l'ammontare del contributo dovuto per ciascuna unità abitativa, ivi incluse le eventuali pertinenze non residenziali.
La somma di tali contributi singolarmente determinati costituisce il contributo complessivo afferente alla concessione quale quota del costo di costruzione dell'intero edificio, come da prospetto allegato al presente regolamento e contraddistinto dalla lettera E).

Art. 7

Il contributo afferente alla concessione relativa ai nuovi edifici, aventi destinazione residenziale e turistica, commerciale e direzionale è determinato applicando le disposizioni di cui agli articoli precedenti in riferimento al costo di costruzione della sola parte residenziale dell'edificio; nonché applicando l'aliquota stabilita dal consiglio comunale ai sensi dell'art. 10, secondo comma, della legge 28.1.1977, n. 10 al costo di costruzione complessivo della parte destinata ad attività turistica, commerciale e direzionale e relativi accessori, anche se l'incidenza della superficie di detta parte non sia superiore al 25 per cento della superficie utile abitabile.

Art. 8

Il contributo afferente alla concessione calcolato secondo gli articoli precedenti, per il disposto dell'ultimo comma dell'art. 9 della legge 25.3.1982, n. 94, non potrà risultare comunque superiore al 10 per cento del costo di costruzione determinato annualmente dal Ministero dei LL.PP. ai sensi dell'art. 6 della legge 28.1.1977, n. 10.

Nota relativa all'articolo 8
Aggiunto dall'art. unico, r.r. 7 dicembre 1982, n. 13.

Allegati

Tabella A


ALIQUOTA (A1) PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO IN BASE ALLA SUPERFICIE UTILE ABITABILE DI CUI AL D.M. 10 MAGGIO 1977, N. 5262 E ALLA UBICAZIONE DELLE COSTRUZIONI PER ZONE OMOGENEE DI CUI AL D.M. N. 1444, DEL 1968























































Classi di superfici utili abitabili (mq)

art. 3 D.M. 10.5.1977
Z O N E    O M O G E N E E
A B C E
< 45 5 8 11 15
> 45 → 95 5 6 7 15
> 95 → 110 5 6 7 15
> 110 → 130 6 7 8 15
> 130 → 160 7 10 13 15
> 160 8 15 18 19

 


Tabella B


ALIQUOTA (A2) PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO IN BASE ALLA SUPERFICIE DELLE PERTINENZE NON RESIDENZIALI DI CUI AL D.M. 10 MAGGIO 1977, N. 5262





































Destinazioni Sup. netta

di servizi e

acces. (mq)
a Cantine, soffitte, volumi tecnici, centrali termiche e altri locali a servizio delle residenze  
b Autorimesse singole, collettive  
c Androni d'ingresso e porticati liberi  
d Logge e balconi  
    Snr =

























Intervalli di validità

del rapporto percentuale
Ipotesi

che

ricorre
%

Aliquota
 
Snr

---- x 100

Su
     
<= 50%

>50% → 75%

>75% → 100%

>100%






5

7

12

19
 
      A2= %






Snr

---

Su

x 100 = ............................. %

 


 


Tabella C


ALIQUOTA PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO IN BASE ALLE CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE SUPERIORI DELLA COSTRUZIONE





















Numero di caratteristiche particolari Ipotesi che ricorre % contributo  


0

1

2

3

4

5
 


5

8

10

12

15

19
 
      A3 = ................... %

Elenco delle caratteristiche superiori della costruzione:


a) più di un ascensore per ogni scala se questa serve meno di sei piani soprelevati;

b) scala di servizio non prescritta da leggi o regolamenti o imposta da necessità di prevenzione di infortuni o di incendi;

c) altezza libera netta di piano superiore a m. 3,50 o a quella minima prescritta da norme regolamentari fatti salvi gli interventi all'interno dei centri storici. Per ambienti con altezze dieverse si fa riferimento all'altezza media ponderale;

d) piscina coperta o scoperta quando sia a servizio di uno o più edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari;

e) alloggi di custodia a servizio di uno o più edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari.


N.B. La III colonna riporta la percentuale, già conteggiata, in rapporto al numero delle caratteristiche particolari ricorrenti.


 


Tabella D


COEFFICIENTI AGGIUNTIVI DELL'ALIQUOTA «AT» IN BASE ALL'UBICAZIONE DEI COMUNI IN CUI RICADONO LE COSTRUZIONI


















COMUNI Coefficienti  
fascia costiera

Fascia medio collinare

Fascia montana
1

0,5

0
 
    i = .................. %

N.B. Per la individuazione dei comuni secondo le tre fasce vedi la tabella "E" del regolamento regionale del 23.7.1977, n. 6 concernente la determinazione degli oneri di urbanizzazione.


 


Prospetto E


Contributo afferente alla concessione









































- aliquota derivante da appl. tab. A: A1 ............... %
- aliquota derivante da appl. tab. B: A2 ............... %
- aliquota derivante da appl. tab. C: A3 ............... %
  -----------------
totale
A1 + A2 + A3

---------------------- =

3
At ............... %
- Coefficienti di cui alla tab. D i = ............... %
- Aliquota risultante (At + i) Q = ............... %
- costo di costruzione dell'edificio o dell'intervento sull'esistente C = ............... L.
- contributo afferente alla concessione
(C x Q)

-------

100
D = ............... L.

N.B. D = determinazione finale della quota del contributo di concessione commisurata al costo di costruzione degli edifici.


 


 

 
 
Consiglio - Assemblea legislativa delle Marche
Piazza Cavour 23 - 60121 Ancona
TEL. 07122981  FAX 0712298203  PEC assemblea.marche@emarche.it
Codice Fiscale  80006310421