Testata sito

 

CARCERI, CONCLUSO IL MONITORAGGIO DEL GARANTE DOPO IL LOCKDOWN. Ultima visita presso la casa circondariale di Marino del Tronto ad Ascoli Piceno. I sopralluoghi hanno interessato tutti gli istituti penitenziari. Valutazione complessivamente positiva. Nobili chiede la convocazione dell’Osservatorio permanente sulla sanità penitenziaria, auspicando l’attivazione di piani d’intervento e di prevenzione

Termina con la visita alla casa circondariale di Marino del Tronto la fase di monitoraggio avviata dal Garante regionale, Andrea Nobili, subito dopo il lungo periodo di lockdown. Un attento sopralluogo, quello ad Ascoli Piceno, caratterizzato dal confronto con i responsabili dei diversi settori e con una verifica dello stato degli ambienti carcerari.
L’azione di monitoraggio ha interessato tutti gli istituti penitenziari delle Marche, per i quali l’Autorità di garanzia ha chiesto incontri con direttori, comandanti della Polizia penitenziaria, nonchè responsabili dell’area sanitaria e delle attività trattamentali. Non sono mancati numerosi colloqui con i detenuti, che sono stati messi in piedi anche per via telematica, vista la complessità del momento e il disagio determinato dall’impossibilità di poter avere contatti diretti con i familiari.
Al termine delle visite il Garante ha espresso un primo giudizio positivo sulla situazione generale, soprattutto in relazione alla tenuta delle strutture dal punto di vista sanitario, e alla capacità della Polizia penitenziaria di fronteggiare inevitabili momenti di tensione. “Ma superata questa fase – sottolinea ora Nobili – andranno messi in atto alcuni approfondimenti, che ci consentano di gestire le criticità del quotidiano nel migliore dei modi e di affrontare le nuove emergenze che dovessero presentarsi. Per questo motivo ho già chiesto la convocazione dell’Osservatorio permanente sulla sanità penitenziaria”.
Restano in piedi, infatti, i problemi legati alla verifica delle condizioni per i nuovi ingressi e alle patologie che interessano i detenuti attualmente in carcere per i quali il Garante auspica piani d’intervento e di prevenzione.
Oltre alla questione strettamente sanitaria, c’è quella del riavvio delle attività trattamentali, con alcune progettualità che sono rimaste ferme negli ultimi mesi e per le quali Nobili ha chiesto più volte una graduale ripartenza, attraverso tutte le disposizioni previste per il distanziamento sociale.
In questa direzione, un primo appuntamento è fissato per il prossimo 23 luglio presso l’istituto di Montacuto di Ancona. La poesia torna nuovamente oltre le sbarre con il progetto “Ora d’aria”, previsto nell’ambito del festival internazionale “La Punta della Lingua”. Sarà lo scrittore Guido Catalano a confrontarsi con i detenuti, come già fatto in passato attraverso alcune iniziative promosse dal Garante, che hanno permesso di concretizzare interventi educativi e formativi di sensibilizzazione alla lettura, alla scrittura ed allo sviluppo delle potenzialità creative.
“Terminata questa fase di monitoraggio – conclude Nobili – contiamo, comunque, di effettuare ulteriori visite nelle singole strutture a partire già dal mese di agosto per avere un quadro costantemente aggiornato della situazione”.

A.Is.

Comunicato n.156, Giovedì 16 Luglio 2020
 

 
 
Consiglio - Assemblea legislativa delle Marche
Piazza Cavour 23 - 60121 Ancona
TEL. 07122981  FAX 0712298203  PEC assemblea.marche@emarche.it
Codice Fiscale  80006310421